donazione Coronavirus

"50mila euro per l'ospedale cotugno di Napoli"

Continua la serie di iniziative e donazioni a supporto degli ospedali e delle strutture sanitarie, in emergenza per la diffusione dell’epidemia di coronavirus. È la volta di 50 aziende calzaturiere campane, che nonostante le difficoltà in cui versa il settore nella regione (che conta un totale di 250 imprese) hanno deciso di donare 1.000 euro ciascuna all’Ospedale Cotugno di Napoli.

“Nonostante le aziende siano allo stremo e stiano ricorrendo da tempo agli ammortizzatori sociali, abbiamo deciso di aiutare economicamente quanti oggi lottano in prima linea nella ricerca e assistenza dei malati affetti dall’epidemia Covid19”, ha dichiarato Pasquale Della Pia, Vice Presidente Assocalzaturifici. “Stiamo vivendo con i nostri lavoratori una situazione che non ha precedenti. In quanto aziende radicate nel territorio abbiamo scelto di portare un aiuto concreto dove davvero c’è”.

Un’iniziativa che ha ricevuto il plauso del Presidente di Assocalzaturifici, Siro Badon: “Questo gesto generoso dei calzaturieri campani è un esempio virtuoso e concreto di responsabilità sociale. Il momento è davvero complesso anche perché le nuove misure restrittive messe in campo dalle istituzioni sono incisive verso un sistema produttivo fortemente connotato in senso manifatturiero come il nostro comparto, che non si presta facilmente a questa soluzione organizzativa”.

Adesione di rilievo per il distretto che conta circa 250 aziende con 5500 occupati diretti che arrivano fino a 7000 unità includendo anche gli indiretti. Il tutto in un momento non facile, con un settore in grande sofferenza, specialmente nella provincia di Napoli, che a causa di un calo dell’export a doppia cifra e un decremento degli occupati ha visto reclamare lo stato di crisi complessa che permetterebbe al sistema calzaturiero di avviare profonde riforme strutturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *